Welcome! Please verify your age to enter.
Inserisci il tuo CAP
di spedizione

Consegna in giornata su Milano e Roma
In 24/48 ore nel resto d'Italia
I am 18 or older
I am under 18

Drink responsibly

Select your country

x

All prices include VAT and duties

GBR
Frascati
Filter By
Offer
  1. On Sale (8)
Price
£
-
£
Case
  1. Without case (2)
Food Match
  1. Aperitif
  2. Cheese
  3. Cold Cuts
  4. Dessert
  5. First Courses
  6. Fish
  7. Meat
Type
  1. Dessert (1)
  2. White wine (7)
Producer
  1. De Sanctis (1)
  2. Fontana Candida (5)
  3. Villa Simone (2)
Region
  1. Lazio (8)
Awards
  1. 2 Bicchieri (3)
  2. 2 Stelle Veronelli (1)
  3. 3 Grappoli Bibenda (2)
  4. 5 Grappoli Bibenda (1)
  5. 4 Viti AIS (1)
  6. Espresso Da bere (2)
Philosophy
  1. Biological (1)
Classification
  1. DOC (4)
  2. DOCG (4)
Size
  1. cl.75 (7)
  2. ml.375 (1)

Frascati Wine

Vini Frascati: ecco la nostra selezione online!

Se il Frascati è uno dei vini più conosciuti al mondo, il merito va ricercato non solo nei grandi sforzi imprenditoriali impiegati, ma anche in un contesto territoriale ineguagliabile, che racconta l'antichissimo legame tra la vite e l'uomo tuscolano. Ci troviamo nella zona vitivinicola più importante per quantità prodotte, con una superficie di 8.500 ettari che comprende i comuni di Frascati, Grottaferrata, Monte Porzio Catone ed, in piccola parte, quello di Roma. I terreni sono di matrice vulcanica e tufacea, con altitudine compresa tra i 70 e i 500 metri sul livello del mare. Il clima di tipo mediterraneo e l'influenza del Mar Tirreno, che funge da volano termico, garantiscono alla vite condizioni molto favorevoli per la sua maturazione. La comparsa della Fillossera ha generato un'importante evoluzione del panorama ampelografico: la Malvasia di Candia è tra i vitigni che si sono affermati maggiormente, insieme alla Malvasia del Lazio (detta anche "puntinata") Trebbiano Toscano, Trebbiano Giallo (o Greco), Bombino Bianco e il Bellone. É importate tenere a mente che il Frascati è stato il primo vino bianco d’Italia ad ottenere la Denominazione di Origine Controllata nell’ormai lontano 1966. Con la DOCG nel 2011, nella versione superiore, insieme al Cannellino, è stato sfatato il luogo comune di un vino da consumare nelle trattorie dei Castelli Romani, grazie ad un disciplinare più rigoroso riguardo alle rese e a sistemi di allevamento meno produttivi e all'aumento della Malvasia del Lazio nella percentuale di uvaggio, che dona al vino quel caratteristico bouquet intenso e fruttato. Molti produttori, inoltre, ne arricchiscono il profilo organolettico grazie alla macerazione sulle bucce ottenendo un vino più complesso ed elegante. Per struttura e profumi, è un bianco che si fa amare e che sposa molto bene il gusto sia dei primi di terra tipici della cucina romana, come i bucatini all'amatriciana o spaghetti alla carbonara, ma anche con pietanze saporite di pesce o alla griglia.

per page

8 Item(s)

per page

8 Item(s)

Disponibile su Google Play
 
 
 
Contact Us
Newsletter
Enter your email address
Delivery until Monday, 14 December